È stato avviato il test – che durerà alcuni mesi e 80 mila chilometri – per verificare l’efficacia su una Fiat Panda Natural Power del biogas prodotto dalle fognature per alimentare il motore. L’auto è stata consegnata al gruppo Cap, azienda che gestisce acquedotto, fognatura e depurazione nella Città Metropolitana di Milano, per valutare, con il contributo del Centro ricerche di Fca, quali effetti il biometano prodotto dal gruppo milanese avrà sul motore. A consegnare le chiavi della Panda è stata Elisa Boscherini (responsabile di Institutional Relations di Fca per l’area Emea), che ha affidato la vettura ad Alessandro Russo (presidente di Gruppo Cap).

La Panda Natural Power, commercializzata dalla fine del 2006, dall’anno successivo è stata la vettura a gas naturale più venduta in Europa e alcune settimane fa ha superato l’importante traguardo dei 300 mila esemplari prodotti. La vettura sarà alimentata con il biometano prodotto dai reflui fognari trattati nell’impianto di Niguarda-Bresso, dove il Gruppo Cap sta trasformando i suoi depuratori in bio-raffinerie in grado di produrre ricchezza dalle acque di scarto. In base agli studi di Gruppo Cap – che punta in tempi brevi ad aprire nel Milanese il primo distributore di biometano a km zero – si stima che il solo depuratore di Bresso potrebbe arrivare a produrre quasi 342 mila chilogrammi di biometano, sufficienti ad alimentare 416 veicoli per 20 mila chilometri all’anno.

Il lungo percorso di prova della Panda sarà accompagnato dall’hashtag #BioMetaNow, che guiderà l’intera sperimentazione sui social, per raccontare le tappe del progetto e i suoi sviluppi. Oggi la Fiat Panda alimentata a metano ha emissioni del 31 per cento inferiori a quelle del corrispettivo modello a benzina, valore che sale al 57 cento miscelando al gas naturale il 40 per cento di biometano.

In pratica, una riduzione d’inquinanti pari a quella ottenuta da una vettura elettrica ricaricata con l’attuale mix energetico europeo. Se poi – come accadrà nella sperimentazione con il Gruppo Cap – la Fiat Panda sarà alimentata al 100 per cento con biometano estratto da reflui fognari, la riduzione di emissioni di CO2 può raggiungere il 97 per cento: in sostanza quanto una vettura elettrica rifornita con “corrente” proveniente per intero da fonti rinnovabili, come l’eolico.