Lunedì 5 Dicembre si è tenuto in ambito del Motor Show di Bologna il convegno “Metano e GPL: l’ibrido che fa bene all’ambiente. Perché rilanciare una eccellenza italiana”, organizzato dalle principali associazioni nazionali di settore, Assogasmetano Assogasliquidi, e Federmetano, con il sostegno delle concessionarie auto locali Maresca e Fiorentino e Stracciari e dell’azienda Powerjet Lpi.

Come affrontare il delicato momento dei carburanti alternativi, le cui immatricolazioni, in un contesto generale di crescita, si muovono in controtendenza riportando significativi cali nella domanda, questo il tema del convegno.

Moderatore il consulente ambientale Giovanni Leporati, sono via via intervenuti l’Assessore ai Trasporti Emilia Romagna, Raffaele Donini, Giuseppina Gualtieri (Presidente e Amministratore Delegato Tper) che ha illustrato il ruolo del metano e del GPL nelle strategie di Tper, azienda di trasporto pubblico locale dell’Emilia Romagna, Paolo Ferrecchi (Direttore Generale Direzione Cura del Territorio e dell’Ambiente Regione Emilia-Romagna), con un’analisi sulla diffusione del metano in Emilia Romagna, Maria Fiorentino (Amministratore Delegato di Maresca e Fiorentino, Concessionaria CNH – Iveco Bus Emilia Romagna, Marche, Toscana, Umbria) e Pietro Maresca (Consigliere Delegato di Maresca e Fiorentino), che hanno approfondito il ruolo delle concessionarie di auto e veicoli commerciali per favorire lo sviluppo dei veicoli a gas, chiedendo un maggiore sostegno da parte delle istituzioni locali, Giuseppe Corricelli (Amministratore Delegato di Powerjet LPI), che ha presentato un’innovativa soluzione tecnologia per abbinare l’alimentazione diesel a quella a gas e Raimondo Orsini, Direttore della Fondazione Sviluppo Sostenibile, che ha anche ricordato come la componentistica del settore sia un’ eccellenza nel mondo.

Infine i rappresentanti delle Associazioni Vettori (Assogasmetano), Franchi (Assogasliquidi) e Balboni (Federmetano), nel corso della tavola rotonda che ha concluso il convegno, hanno unanimemente riaffermato la necessità di dare maggior rilievo a metano e GPL per i trasporti.

In particolare il presidente di Assogasmetano, Vettori, riprendendo le parole del Ministro dello Sviluppo economico, Calenda (oggi l’elettrico è una moda) ha  parlato del settore dei gas anche dal punto di vista economico del sistema paese e non ha mancato di criticare coloro che asseriscono che i carburanti fossili debbano sparire entro il 2025/2030. Non si può pensare che coloro che lavorano nel campo motoristico e nel campo della distribuzione (30.000 addetti), con un fatturato di milioni di euro, possano sparire o riconvertirsi all’elettrico. Vettori ha sottolineato come la stampa segue la moda e spesso fa al metano cattiva informazione. Ha fatto osservare che se si andasse nella direzione voluta da certa politica o industria elettrica, non sarebbe pensabile che lo stato potesse perdere 41 miliardi di euro, attualmente ricavati dalle vendite dei carburanti per autotrazione.

Il convegno ha inoltre voluto sottolineare che anche le auto a gas sono auto ibride, in quanto abbinano due diverse fonti energetiche, con evidenti effetti positivi sia per la riduzione delle emissioni sia per la diminuzione dei costi di gestione delle auto stesse. Altro tema trattato è stato rivolto alla questione dell’accesso nei centri storici concesso ai veicoli ibridi e non più a quelli a gas (ultimo il caso di Milano).

A conclusione dei lavori l’onorevole Beneamati della X Commissione delle attività produttive della Camera, ha disegnato lo scenario futuro dei motori a gas. “L’uso del gas nelle sue diverse forme – ha affermato Beneamati – è importante non solo per ridisegnare il portafoglio energetico del nostro Paese, ma anche per rendere più efficiente e sostenibile l’intero settore dei trasporti. Da questo punto di vista, i veicoli a gas rappresentano sicuramente un’opzione vincente a medio termine nella fase di transizione dai combustibili fossili alle energie rinnovabili”.

 

 

 

In chiusura sono arrivati anche i saluti del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, che ha sottolineato come metano e GPL siano le soluzioni d’elezione per migliorare la qualità della vita nei centri urbani.